Chiesa di Laterina Ss. Ippolito e Cassiano

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 
 

Il Vangelo


 
 

XXII Domenica
del Tempo Ordinario
30 agosto 2015
Santa Margherita Ward


Alla cura minuziosa dell'esteriorità che caratterizza
la religiosità dei contemporanei, Gesù oppone la cura
dell'interiorità, cioè del "cuore". E richiama il profeta
Isaia: "Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo
cuore è lontano da me".

Dal Vangelo secondo Marco
(7,1 - 8,14 - 15,21 - 23)

Gloria a te, o Signore

In  quel tempo, si riuniscono attorno a Gesù i farisei e alcuni
degli scibi, venuti a Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei
suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate
- i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati
accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi, e
tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni
e osservato molte altre cose per tradizione, come lavatura di bicchieri
di stoviglie, di oggetti di rame e di letti, quei farisei e scibi lo
interrogarono: "Perché i suoi discepoli non si comportano secondo
la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure ".
Ed egli rispose loro: "Bene a profetato Isaia di voi, ipocriti, come
sta scritto: "Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore
è lontano da me. Invano mi rendano culto, insegnando dottrine che
sono precetti di uomini" . Trascurando il comandamento di Dio, voi
osservate la tradizione degli uomini" . Chiamata di nuovo la folla,
diceva loro: "Ascoltatemi tutti e comprendete bene ! Non c'è nulla
fuori dall'uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro" . Ma
sono le cose che escono dall'uomo a renderlo impuro ". E diceva
[ai suoi discepoli]: "Dal didentro infatti, cioè dal cuore degli uomini
escono i propositi di male; impurità, furti, omicidi, adulteri, avidità,
malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, stoltezza. Tutte
queste cose cattive vengono fuori dall'interno e rendono impuro
l'uomo ".

Parola del Signore













 
 
 

In occasione della esposizione della Sindone

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu